Blog: http://franzmaria.ilcannocchiale.it

Giona

Sapessi, Giona,
  come è faticoso
   far peccare tutta una città
   farla fremere
         di torbide passioni
                   e fiamme

Poi chiamarti,
    servo inutile 
    di una studiata recita
  A vendicare il mio Nome
    sempre offeso
      perché tu mi seguissi

Ma che divertimento
    il viaggio con te
    la corsa nel mare,
    la scommessa del qiqajon

Lascia perdere, Giona, la grande città

Io cerco te

    e ogni peccato è pretesto
    dolce bisticcio d'amore

                fra noi

Pubblicato il 4/10/2010 alle 20.56 nella rubrica luce.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web