Blog: http://franzmaria.ilcannocchiale.it

la città d'acque

Noi stringiamo questo patto
   con la Parola udita

   mai come allora,
  nuova, gustosa,
d'inebrainte profumo adorna

Noi costruiamo la città
    su un solco mai tracciato

   l'aratro mai visto
             riecheggiava dolcemente
   ormai lontano
           sulle colline delle dimore

Quando nascemmo
nel posto nascosto fra gli alberi
                      lassù

   sgorgava lesto il fiore
        e un piccolo fiume
     riapriva le terre


Così è sorta
 la città d'acque

di tanti fiori 
     coronata

Così regna
fra le nubi di guerra attorno

l'unica città

      dove non muore mai 
        alcuno
        

Pubblicato il 20/4/2011 alle 23.53 nella rubrica luce.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web